Parla con l'esperto

011 06 35 383

Home Energia Elettrica Passaggio al mercato libero rinviato: quando avviene e cosa comporta

Passaggio al mercato libero rinviato: quando avviene e cosa comporta

Date

Category

Passaggio al mercato libero

Il passaggio al mercato libero (per approfondire, leggi il nostro articolo dedicato Mercato libero dell’energia: tutto quello che c’è da sapere) slitta ancora. A dirlo è il nuovo emendamento al cosiddetto Decreto Milleproroghe, che è stato approvato alla Camera il 23 febbraio scorso. La transizione dal mercato tutelato dell’energia elettrica e del gas avverrà quindi dal 1° gennaio 2023: il passaggio definitivo sarebbe infatti dovuto avvenire a luglio 2020, poi a gennaio 2020. Con 12 mesi di ritardo rispetto a quanto era stato stabilito. Il passaggio riguarda sia i clienti domestici che le microimprese. Per le imprese normali, invece, la procedura è già cominciata il 1° gennaio di quest’anno. Il ritardo è dovuto all’emergenza sanitaria e il suo scopo è quello di evitare ulteriori rincari sulle bollette.

Passaggio al mercato libero: cosa comporta?

A slittare non è solo il passaggio al mercato libero, ma anche l’obbligo di attivare un nuovo contratto per la fornitura di energia. Oggi infatti i consumatori hanno la possibilità di scegliere tra mercato tutelato, quindi con le tariffe definite da ARERA, e mercato libero, con prezzi di Luce e Gas definiti dai singoli fornitori. Dal 2023 sarai invece obbligato a passare a un fornitore del mercato libero. Questo vuol dire che hai ancora tempo per guardarti intorno e scegliere consapevolmente il fornitore che risponde meglio alle tue esigenze. Analizzando i tuoi consumi in bolletta e i diversi gestori di energia, potresti arrivare a risparmiare fino a 200 euro all’anno. 

Come scegliere

Per effettuare il passaggio al mercato libero, prima di attivare una nuova tariffa Luce e Gas devi fare attenzione ad alcuni fattori fondamentali, che ti permettano di scegliere l’offerta giusta per te. 

  • Scegli le offerte a prezzo bloccato. Si tratta di offerte che assicurano un prezzo fisso della componente energia per 12 o più mesi. In questo modo sei al riparo da possibili rincari dei prezzi e puoi evitare facilmente brutte sorprese in bolletta: le tariffe a prezzo bloccato ti garantiscono un risparmio a lungo termine e un controllo maggiore sulle tue spese mensili.
  • Tariffa monoraria o bioraria? Le tariffe luce si distinguono in due tipologie principali in base al costo orario dell’energia elettrica (se vuoi saperne di più, leggi il nostro articolo Differenza tra tariffa monoraria e bioraria: quale scegliere?). Dare quindi un’occhiata agli orari in cui si concentrano i tuoi consumi è il modo migliore per capire quale tipo di offerta scegliere.
  • Risparmio extra con le bollette digitali. Un metodo semplicissimo per risparmiare sulle spese di luce e gas è richiedere l’invio delle bollette digitali invece di utilizzare il tradizionale bollettino postale cartaceo. Lo stesso accade con il pagamento automatico tramite addebito delle fatture sul conto corrente. 
  • Confronta le diverse tariffe. Districarsi tra le migliaia di offerte presenti sul mercato è complicato, per non parlare del fatto che richiede un sacco di tempo ed energie. Quindi per prima cosa ti consigliamo di rivolgerti a un comparatore di offerte luce e gas. Usando questo servizio puoi confrontare gratuitamente le migliori promozioni disponibili su un’unica piattaforma e trovare in pochi minuti quella che fa per te.

Offerte Luce e Gas

Categorie

Articoli popolari

Come faccio a sapere chi mi ha chiamato? Cercare numeri fissi e mobili

Come faccio a sapere chi mi ha chiamato? Sarà capitato sicuramente anche a te di trovare una chiamata persa sul tuo cellulare e di non...

Abbonamenti e ricaricabili: qual è la differenza?

Ricaricabile o abbonamento: oggi scopriamo inseme la differenza tra queste due piani telefonici. Quando devi scegliere la tua nuova tariffa telefonica è fondamentale conoscere a...

Recent comments